Come cancellare le segnalazioni negative in CRIF e nelle altre centrali rischi private. (SIC)

Aggiornato il: gen 5

Se hai avuto una segnalazione negativa nella CRIF e nelle altre centrali rischi private (SIC) per dei ritardi o dei mancati pagamenti, devi sapere che c'è la possibilità di essere cancellato dai registri della CRIF se l'istituto che ti ha segnalato non ha rispettato le normative previste dal TUB.

Cancellazione CRIF, CTC ed EXPERIAN

Segnalazione illegittima


Gli istituti hanno il diritto di effettuare la segnalazione negativa nelle centrali rischi private (SIC), ma perchè la segnalazione sia legittima, devono rispettare le modalità previste dal TUB (testo unico bancario) che impone agli istituti l'obbligo di preavviso della segnalazione, consentendo così di dare l'opportunità al consumatore di regolarizzare la posizione. (art. 4 comma 7)


Modalità di preavviso


Il mezzo per legittimare la segnalazione previsto dal garante della privacy, è la raccomandata postale con ricevuta di ritorno o il telegramma.

Il garante precisa che gli istituti potranno avvalersi anche di altri mezzi legalmente riconosciuti come per esempio la posta PEC.


Non sono considerati mezzi legali di preavviso, le telefonate, sms, email classiche e lettere di posta ordinaria, quindi in assenza di preavviso, la segnalazione è illegittima e con un intervento effettuato da un professionista serio e competente, si può illegittimare (cancellare) la segnalazione.


Cancellazione tramite avvocato, studio professionale o fai da te?


Fino a qualche hanno fa, gli istituti non erano strutturati per gestire una grande mole di ricorsi, quindi il più delle volte accoglievano la richiesta di cancellazione in prima istanza.

Con il passare del tempo, essendo subissati di richieste, si sono strutturati con un ufficio legale in sede, ed ogni richiesta non presentata nei termini di legge viene severamente respinta.



Per avere buone possibilità di successo, è conveniente rivolgersi a degli studi specializzati in diritto bancario, ancor meglio sarebbe consigliabile farsi seguire da un avvocato specializzato in diritto bancario.


Richiedi adesso una consulenza gratuita tramite www.stopaidebiti.it l'unico studio che si avvale della collaborazione di avvocati specializzati per risolvere con successo problemi di questo tipo.




Tempistica per l'intervento di cancellazione


Dal momento che conferirete l'incarico al legale che seguirà il vostro ricorso, potranno trascorrere 60 giorni che è la tempistica a disposizione degli istituti per riscontrare al reclamo. Normalmente gli istituti rispondono entro 30 giorni circa.